Ok, bello DiRT 3, ma…{0}

Col PC nuovo posso finalmente fare cose a me precluse da un sacco di tempo, tipo lanciare un gioco, e alt-tabbare con la quasi totale certezza che a) non vada in crash, b) non si bombi il PC tutto, c) l’audio non sparisca, d) il tutto avvenga nel giro di pochi centesimi di secondo. E così, tra un articolo e l’altro, invece di giocare a Peggle o altro, sono in una fase in cui mi rilasso correndo (anche letteralmente, ma questo è argomento per un altro post).

Dopo essermi massacrato a GRID e averlo praticamente finito, sono riuscito a far partire DiRT 3, non senza faticare, e che come tutti i giochi di corse di Codemasters mi esalta sempre un sacco: modello di guida fantastico, graficamente grandioso, divertente. Ammesso di non impazzire alla ventesima volta che il tuo mentore virtuale ti chiama “amigo”, si capisce.

Più ci gioco, però, più mi sembra di trovarmi in quei programmi televisivi fatti apposta per raccogliere pubblicità, quelle trasmissioni che servono da “contorno” agli spot. In ogni schermata compare, in basso, una notifica che ti dice che “ehi, è disponibile il DLC di Monte Carlo! COMPRALO” oppure “COMPRA quest’altro DLC!”. Quando scegli un’auto per una gara, accanto a ogni macchina c’è sempre quella “oscurata” e con la scritta “COMPRA”. Il peggio, però, sono i campionati: tolto il primo, praticamente un tutorial, gli altri non li puoi neppure concludere, nel senso di affrontare e completare tutte le gare, perché i DLC aggiungono una NUOVA gara in fondo alla stagione, di fatto estendendolo. Peccato che sia a pagamento, e che non possa affrontarla se prima non la COMPRI.

Naturalmente i game designer sanno perfettamente che la cosiddetta “ansia da completamento” è uno degli aspetti cardine di titoli come questi, dove la soddisfazione deriva (anche) dall’aver giocato ogni possibile evento, dall’aver spuntato ogni casellina, dall’aver comprato ogni auto, corso su ogni tracciato, conquistato il primo posto in tutte le gare. Il che rende ancor più odioso vedere quelle caselle con l’immagine di sfondo coperta da un overlay grigio e il bollino rosso con scritto “COMPRA”. E difficilissimo resistere alla tentazione di spendere qualche centinaio di punti.

E adesso, appunto, me ne vado a correre.

Argomenti correlati: